logo-premio-CampielloLogo Umana RGB

Premio Campiello

INCONTRO CON GLI AUTORI FINALISTI

della cinquantaseiesima edizione

Il Premio Campiello, il prestigioso concorso letterario nazionale organizzato dagli Industriali del Veneto, è arrivato a Bologna.
Ed è arrivato grazie a Umana, main partner del Premio, che con la collaborazione di Fondazione Il Campiello e il patrocinio di Confindustria Emilia Area Centro, il 5 luglio ha ideato e realizzato la tappa bolognese degli Incontri con la Cinquina Finalista, riunendo gli autori in una serata inedita nella prestigiosa sala della Cultura di Palazzo Pepoli, Museo della Storia di Bologna. A parlare di storie, di libri, di cultura, e di impresa.

Al centro di questo prestigioso appuntamento bolognese sono stati gli scrittori e il loro libri: Ermanno Cavazzoni con il suo La galassia dei dementi (La nave di Teseo), Davide Orecchio con Mio padre la rivoluzione (Minimum Fax) e Francesco Targhetta con Le vite potenziali (Mondadori).

Elena Janeczek e il suo La ragazza con la Leica (Guanda) e Rosella Postorino con Le assaggiatrici (Feltrinelli), sono state invece protagoniste – e per certi versi attrici – di due short film proiettati nel corso della serata nei quali hanno raccontato i propri libri in una intervista girata fra Venezia (dove idealmente nasce il Premio Campiello) e Bologna.

A condurre l’evento, e attore protagonista anch’egli dei due “corti”, Giorgio Comaschi, giornalista, attore e scrittore a propria volta.

Fra i saluti istituzionali quelli del Presidente Genus Bononiae Fabio Roversi-Monaco, del Presidente di Confindustria Emilia Area Centro Alberto Vacchi, dell’assessore alla Cultura del Comune di Bologna Matteo Lepore e del Presidente di Confindustria Veneto e della Fondazione Il Campiello Matteo Zoppas.

È proprio l’incontro la caratteristica, e il successo, di questo prestigioso premio letterario – ha detto Maria Raffaella Caprioglio, presidente di Umana -. Umana ha voluto condividere con Bologna lo straordinario percorso di Confindustria Veneto perché crede nel motore della cultura, che è in grado di costruire ponti, creare incontri, generare relazioni ed amicizie, trasferire conoscenza ed eccellenza. E lo fa attraverso il filo rosso dei libri e delle storie in essi raccontate. Impresa e cultura sono il nostro patrimonio collettivo, fondamentali fattori di crescita economica e sociale. Sono pietre angolari su cui possiamo far crescere valori, innovazione, creatività. E qualità del capitale umano”.

Durante la serata gli invitati e i media accreditati hanno potuto incontrare gli autori, e ascoltare alcuni brani tratti dai loro testi, letti in un coinvolgente reading dagli attori bolognesi Martina Sacchetti e Alessandro Pilloni, accompagnati da brani musicali eseguiti dall’Orchestra Senzaspine.

Umana e il Premio Campiello 2018 (corto). Parte 1 di 3
Giorgio Comaschi e il viaggio alla scoperta del Campiello, tra Bologna e Venezia.

“…Bologna e Venezia, Venezia e Bologna, anche perché questa è anch’essa una città d’acqua. Insomma devo dirvi la verità, mi è venuta una irrefrenabile voglia di andare a Venezia, di respirare un po’ l’ambiente, quell’aria di Laguna. Volevo capire quanto di Bologna c’è a Venezia e quanto di Venezia c’è qui. E allora son partito…”

Umana e il Premio Campiello 2018 (corto). Parte 2 di 3
Giorgio Comaschi incontra Helena Janeczek

Prosegue il viaggio di Giorgio Comaschi per le calli veneziane che lo porteranno all’incontro con Helena Janeczek per parlare del suo libro: “La ragazza con la Leica”.

Umana e il Premio Campiello 2018 (corto). Parte 3 di 3
Giorgio Comaschi incontra Rosella Postorino

Tra sogno e realtà, Giorgio Comaschi incontra Rosella Postorino che racconta il suo “Le assaggiatrici”.

UMANA S.p.A.
Aut. Min Lav. Prot n. 1181 - SG del 13.12.2004

Sede Legale e Direzione Generale:
Via Colombara, 113 - 30176 - Venezia - Marghera - ITALIA
Tel: 041.2587311 - Fax: 041.2587411 - info@umana.it